Pubblicato il Rapporto Tecnico sulla Simulazione nazionale SMA-MINNI della qualità dell'aria dell'anno 2015

ENEA ha pubblicato il Rapporto Tecnico "AMS-MINNI national air quality simulation on Italy for the calendar year 2015", che riporta i risultati della simulazione nazionale della qualità dell'aria dell'anno 2015 effettuata con SMA-MINNI, il sistema modellistico atmosferico del modello integrato nazionale MINNI, strumento ufficiale del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare per supportare le valutazioni richieste dalle Direttive Europee sulla qualità dell'aria.

Gli autori appartengono alla Divisione Modelli e Tecnologie per la riduzione degli impatti antropici e dei rischi naturali (SSPT-MET), al Laboratorio Inquinamento Atmosferico (SSPT-MET-INAT) e al Laboratorio Calcolo ad Alte Prestazioni (DTE-ICT-HPC) di ENEA.

Il Rapporto Tecnico è pubblicato in adempimento del D.Lgs. 155/2010, per cui ENEA è tenuta a elaborare ogni 5 anni simulazioni modellistiche della qualità dell’aria su base nazionale e a rendere disponibili i risultati di tali elaborazioni.

Allo scopo di fornire una valutazione oggettiva della qualità dei risultati della simulazione, basata su criteri condivisi dalla comunità scientifica, la validazione (cioè il confronto con i dati di misura disponibili sul territorio nazionale, nelle stazioni di fondo) è stata effettuata seguendo l’approccio e la metodologia proposti da FAIRMODE, forum ufficiale europeo per i modelli di qualità dell'aria in supporto alle Direttive in materia.

L’analisi dei risultati ha mostrato complessivamente la buona qualità dei campi di concentrazioni simulati. In particolare, tutti i Criteri di Qualità delle performances sono risultati soddisfatti per O3 e PM2.5. Sia punti di forza sia margini di miglioramento sono invece emersi dalla validazione di NO2 e PM10 che tendono ad essere globalmente sottostimati, come del resto accade comunemente nello stato dell’arte della modellistica a scala regionale. Vale la pena evidenziare che nell'attuale SMA-MINNI la simulazione del contributo della polvere sahariana non è stata inclusa.

Diverse criticità sono emerse per quanto riguarda il rispetto dei limiti di legge, in particolare in riferimento alla media giornaliera di PM10, al massimo delle medie mobili su 8 ore di O3 e alle medie annuali di NO2 e PM2.5. Tali criticità sono confermate dai dati di misura prodotti dalle Agenzie Regionali e delle Province Autonome per la Protezione Ambientale.

I campi prodotti sono ora disponibili sia come condizioni iniziali e al contorno per studi a scala locale (come da D.Lgs. 155/2010), sia come dati in ingresso per analisi d’impatto a scala nazionale.

Il Rapporto Tecnico è disponibile in ENEA-IRIS Open Archive, l’archivio della produzione scientifica dell'ENEA, a questo link.

Si riportano di seguito alcune elaborazioni grafiche dei risultati più significativi (cliccare sulla figura per ingrandirla).

Nelle 5 mappe di concentrazione, il colore rosso indica il superamento del limite di legge.

Nei target plot, si riporta il valore del Model Quality Indicator di FAIRMODE. Il criterio di qualità è soddisfatto se il valore è minore o uguale a 1 (cioè interno all’ellisse verde). Per una guida completa all'interpretazione del grafico, si rimanda al manuale del software Delta, a questo link.

Nei geoplot, si riportano le stazioni di misura in cui il criterio di qualità del Model Quality Indicator è soddisfatto (cerchio verde) e non soddisfatto (triangolo rosso).

 

 concentrazione media annuale di NO2

 

concentrazione media annuale di PM10

 

 

 

concentrazione media annuale di PM2.5

 

 

36° valore più alto della serie temporale delle concentrazioni medie gionaliere di PM10

 

 

26° valore più alto della serie temporale dei massimi giornalieri dei valori medi 8-orari delle concentrazioni di  O3

 

 

assessment target plot del Model Quality Indicator delle concentrazioni orarie di NO2 presso le stazioni di fondo

geoplot del Model Quality Indicator delle concentrazioni di NO2 presso le stazioni di fondo