"C2CC - Cradle-to-Cradle Composites - I risultati del progetto presentati all'evento finale a Bordeaux"

Il 9 e 10 dicembre scorsi, presso l’Università di Bordeaux, si è tenuto l’evento finale del progetto C2CC (Cradle-to-Cradle Composites, EIT RM, upscaling KAVA 5) che ha visto una discreta partecipazione dei partner in presenza, e di tutti gli altri online. All’evento pubblico del 10 dicembre si sono collegate 10 imprese attive nel campo dei compositi, oltre a numerosi PhD e ricercatori attivi nel settore, superando così la cinquantina di partecipanti in totale.

L’interesse alla tecnologia sviluppata nel progetto C2CC è particolarmente alto in quanto si è sviluppato, con un alto TRL, un riciclo circolare dei materiali compositi, con sviluppo semilavorati (prepreg) su impianti rappresentativi degli impianti industriali e dimostratori (cofano della FIAT 500 Abarth) che si sono dimostrati in linea con i requisiti per l’applicazione automotive (validazione tramite FEM).

La tecnologia adottata (resine epossidiche cleavable + fibra minerale) è la stessa che nel 2021 è stata verificata come essere applicabile anche per l’applicazione nell’eolico (con verifiche sempre in scala reale e direttamente da parte di uno dei maggiori stakeholder del settore, ovvero Siemens/Gamesa), elemento che ha sbloccato la produzione industriale della nuova generazione di reticolanti (in corso di certificazione REACH per la commercializzazione in Europa).

Per informazioni più dettagliate, consultare il sito ufficiale del progetto  www.c2cc-project.eu o contattare il suo coodinatore, Claudio Mingazzini dei Laboratori PROMAS di Faenza, ENEA TEMAF.

 

Personale di riferimento: 
Claudio Mingazzini