Dispositivi e processi esplorativi a basso impatto mediante stampa

Tipologia: 
Infrastruttura localizzata
Localizzazione: 
Laboratorio di riferimento: 
Laboratorio Nanomateriali e Dispositivi

Le attività di stampa per materiali e dispositivi nel Lab. NANO impiegano varie diverse tecniche di processo: rotocalco (gravure printing), flessografia (flexo printing), serigrafia (screen printing), getto d’inchiostro (inkjet printing), per lo studio e la preparazione di materiali e dispositivi elettronici, quali transistor, celle fotovoltaiche, sorgenti luminose, sensori, strati funzionali, ecc.. Le diverse tecniche stampano i materiali a partire da inchiostri o paste specifici ed ottimizzati per la singola tecnica, applicandoli solo nei punti in cui devono essere presenti per le funzionalità previste, quindi impiegando soltanto le quantità necessarie, con sprechi minimi e costi ridotti, e con la possibilità di realizzare dispositivi, anche di grandi dimensioni, o su substrato flessibile (ad es. PET, PEN, carta), in modo molto più semplice e rapido rispetto all’elettronica convenzionale.