Economia Circolare

L’Economia circolare è un modello di sviluppo centrato sulla sostenibilità, l’innovazione, la partecipazione e la condivisione, che si propone di mantenere il più alto valore possibile nelle risorse impiegate in processi, prodotti e servizi, in una prospettiva di più lungo periodo, e di ottimizzare la produzione di beni, di ridurre i consumi, lo spreco, di valorizzare gli scarti e i rifiuti.

La transizione verso un modello di economia circolare offre rilevanti opportunità per l’economia, l’ambiente, l’occupazione e la competitività. La Commissione Europea ha destinato oltre 10 miliardi di euro all’attuazione di questo modello e stima, per il nostro Paese, oltre 11 miliardi di risparmi a livello economico e ambientale in 20 anni, la creazione di più di 20.000 nuovi posti di lavoro a tempo pieno e una riduzione delle emissioni di gas serra di quasi 111 milioni di tonnellate.

Attività ENEA per l’Economia Circolare

L’ENEA rende disponibili processi, tecnologie, strumenti ed approcci integrati per supportare imprese, pubbliche amministrazioni locali e centrali ed altri soggetti interessati a intraprendere questo percorso, considerando l’intera catena del valore di materiali e prodotti e la gestione sostenibile del territorio, di aree urbane, produttive ed industriali.

In particolare, attraverso il Dipartimento "Sostenibilità dei Sistemi Produttivi e Territoriali" (SSPT), ENEA sviluppa:

  • metodologie e approcci eco-innovativi, nuovi modelli di business e di gestione aree urbane ed industriali;
  • realizzazione, diffusione ed implementazione di tecnologie avanzate;
  • progetti integrati sul territorio a vari livelli nelle aree urbane e nei sistemi produttivi;
  • attività di servizio alle imprese;
  • strumenti di misurazione della circolarità;
  • strategie a livello locale, nazionale ed europeo;
  • attività di supporto allo sviluppo ed adeguamento di strumenti normativi;
  • attività di formazione e informazione.