Sorry, you need to enable JavaScript to visit this website.

Progetto ECAPAC

Effects of Changing Albedo and Precipitation on the Arctic Climate

Radiometri  installati sul tetto del Building 1971 presso la Base aerea di Thule, Greonlandia
Acronimo: 
ECAPAC
Tipo di Finanziamento: 
Programmi Nazionali
Programma: 
PRA Programma Ricerca Artico
Durata: 
da 4 Gennaio 2021 a 30 Giugno 2024
Ruolo ENEA: 
Coordinatore
Responsabile di Progetto: 
Virginia Ciardini
Personale: 
Tatiana Di IorioGiandomenico PaceDaniela Meloni
Status: 
In corso

Il progetto ha come obiettivo prioritario quello di valutare come la variabilità della precipitazione e i conseguenti effetti sulla copertura di neve e ghiaccio inneschino i complessi meccanismi di retroazione che legano l'albedo superficiale alla temperatura atmosferica e superficiale portando a repentini cambiamenti sul clima.

L'Artide, così come l’Antartide, è una delle aree della Terra maggiormente sensibili ai cambiamenti climatici e per questo oggetto di specifici programmi di ricerca internazionali. Il progetto prevede l'utilizzo dell’ampio set di misure in situ e di telerilevamento (attivo e passivo) effettuate dall’Osservatorio di Thule (76.5°N, 68.8°O) in Groenlandia, e l'istallazione di nuova strumentazione dedicata allo studio delle precipitazioni. Le condizioni ambientali e le difficoltà logistiche ostacolano le osservazioni da terra che invece hanno un ruolo chiave per definire e ridurre le incertezze dei modelli climatici e per la validazione e la correzione di dati da satellite. La combinazione di osservazioni da terra, misure satellitari e simulazioni con un modello climatico a scala regionale, consentirà di contribuire alla comprensione dei processi fisici e allo studio di fattori forzanti del clima, in particolare dei processi che regolano la riduzione del ghiaccio artico e i meccanismi della cosiddetta “amplificazione artica”.

Il progetto raccoglie l’eredità di precedenti attività progettuali di ENEA svolte sia in Artide che in Antartide. Con il progetto ECAPAC vengono messi a sistema dati ed analisi sviluppate negli anni ai due poli con un approccio di ricerca unitario. Il progetto è coordinato dal Laboratorio OEM della Divisione PROTER, in collaborazione con il Dipartimento di Fisica della Sapienza (Roma), INGV, il Lamont-Doherty Earth Observatory del Columbia University Earth Institute e si svolgerà in 36 mesi. 

Clima: scienziati in Artico per studiare ghiaccio marino e precipitazioni su ENEAInform@ 11 febbraio :

https://www.enea.it/it/Stampa/news/clima-scienziati-in-artico-per-studia...